Privacy Policy Il principe cerca figlio - 30 anni dopo, la fine di un'era - Il Sotterraneo del Retronauta

Il Sotterraneo del Retronauta

Il tuo amichevole ricordatore di quartiere

Il principe cerca figlio – 30 anni dopo, la fine di un’era

Il principe cerca figlio (Coming 2 America) è un film del 2021 diretto da Craig Brewer. La pellicola, con protagonista Eddie Murphy, è il sequel del cult del 1988 Il principe cerca moglie

Il principe cerca figlio è, tecnicamente, la risposta a una domanda che nessuno aveva fatto. Uguale uguale a Mortal Kombat Legends: Scorpion’s Revenge, insomma: nessuno l’aveva chiesto, nessuno lo voleva, eppure s’è rivelato un film molto al di sopra di qualunque aspettativa. Chiaro quindi, che ‘sta cosa non sia necessariamente un male.

Ecco, Il principe cerca figlio non è un brutto film in sé per sé, solo che, come dire… è sgradevole.

I motivi, per cui realizzare il seguito di un film di successo, sono pochi e fanno tutti rima con soldi, ovviamente. I motivi, per cui realizzare il seguito di un film di successo più di trent’anni dopo, sono ancora meno ma, per quanto strano possa sembrare, non fanno tutti rima con soldi; e questo è, al momento, un bel problema.

Il principe cerca figlio e pure un senso

Il principe cerca figlio (Coming 2 America) è un film del 2021 diretto da Craig Brewer. La pellicola, con protagonista Eddie Murphy, è il sequel del cult del 1988 Il principe cerca moglie

Ora, i titoli originali sono, rispettivamente, Coming to America e Coming 2 America. Da noi diventati, per mantenere la stessa continuità, Il principe cerca moglie e Il principe cerca figlio. Ecco, pensandoci un attimo, col proverbiale senno di poi, la nostra titolazione forse è più azzeccata rispetto all’originale. Perché… Facciamo così, giusto per capirci: prendi Batman, per dire.

Puoi far tranquillamente uscire pure un film di Batman all’anno: basta cambiare il cattivo e via, verso nuove, fantastiche avventure. Giustificare il seguito di una commedia romantica, per di più fuori tempo massimo, è già un tantino più difficile. Una volta rimossi gli equivoci e tolti gli ostacoli, cosa rimane da fare ai protagonisti se non il vivere per sempre felici e contenti? Esatto: diventa una questione di pretesto.

Ne Il principe cerca figlio poi, il concetto arriva all’esacerbazione; tutto è, praticamente, un pretesto per giustificare il ritorno dei personaggi. Arrivare in America aveva un senso trent’anni fa, quando il principe cercava moglie: ed è questo a farlo funzionare ancora oggi come ieri: il senso logico. In altre parole, c’era una sola – com’è giusto che sia, d’altronde – linea narrativa e riguardava l’evolversi della storia d’amore fra i protagonisti.

Il principe cerca figlio (Coming 2 America) è un film del 2021 diretto da Craig Brewer. La pellicola, con protagonista Eddie Murphy, è il sequel del cult del 1988 Il principe cerca moglie

Nel 1988, il principe Akeem, messosi contro suo padre, re Jaffe Joffer, e infranto leggi secolari che regolavano la vita di corte, lasciava il magico regno di Zamunda per attraversare l’oceano e andare alla ricerca del vero amore nella “terra delle libertà”. Vero amore, che poi troverà in Lisa McDowell, una ragazza del Queens, figlia di Cleo McDowell, proprietario di un fast food.

Nel mezzo, gran parte della commedia si reggeva sul fatto che il Queens è un posto reale, vero. Quando Akeem e Semmi arrivano nel quartiere, questo era pieno di luoghi e personaggi in grado di dar vita a situazioni che il pubblico poteva riconoscere. Accompagnati dal personaggio di Akeem, così estraneo in un mondo tanto familiare.

Questo, l’ingenuità e la perplessità del protagonista, permetteva di aprire, di quando in quando, parentesi in grado di aggiungere sfumature, e perché no, pure spunti riflessivi alla storia. Ne Il principe cerca figlio, non c’è niente di tutto questo; semmai, solo il goffo tentativo di sembrare impegnati.

Il principe cerca figlio (Coming 2 America) è un film del 2021 diretto da Craig Brewer. La pellicola, con protagonista Eddie Murphy, è il sequel del cult del 1988 Il principe cerca moglie

Il principe cerca figlio comincia esattamente dal punto in cui si concludeva il film precedente: Akeem e Lisa, tornati a Zamunda, un matrimonio da favola e trenta e passa anni dopo, vivono ancora felici e contenti. L’unico problema è che hanno tre splendide figlie: le principesse Meeka, Omma e Tinashe e che Re Jaffe, padre di Akeem, è sul letto di morte.

Una volta passato a miglior vita, il generale Izzi, despota e dittatore della confinante nazione di Nexdoria, potrà costringere Akeem a dare una delle sue figlie in sposa a suo figlio. Facendo leva sul fatto che, secondo la legge di Zamunda, solo un maschio ha diritto di salire al trono.

Akeem, ovviamente, nonostante le minacce tutto vorrebbe tranne che far sposare una delle principesse col figlio di Izzi. Però, Re Jaffe spinge su ‘sta cosa del matrimonio. Ricordandogli, A) le ferree tradizioni di Zamunda e B) che non è come lui, forte, spietato e all’occorrenza senza scrupoli.

Il principe cerca figlio (Coming 2 America) è un film del 2021 diretto da Craig Brewer. La pellicola, con protagonista Eddie Murphy, è il sequel del cult del 1988 Il principe cerca moglie

Al contrario, Jaffe dà ad Akeem giusto un paio di settimane di vita, al massimo: appena morirà, Izzi se lo tirerà su con la cannuccia, proprio. A ‘sto punto, Baba, lo sciamano di corte, dice che gli spiriti hanno parlato, rivelando che al tempo in cui il principe cercava moglie, ha generato un figlio maschio durante la sua permanenza nella terra al di là dell’oceano.

Visione confermata poi da Semmi, consigliere-cortigiano-aiutante-valletto-amico di Akeem, che ammette di aver convinto due donne a passare la notte con loro mentre erano nel Queens. Akeem non ricorda nulla perché, in effetti, era stato drogato. Ed ecco che si parte di nuovo per l’America, ché Il principe cerca figlio.

Messa così, non suona poi tanto male, no? I dissidi di un re, costretto a scegliere fra il bene di sua figlia e quelli del regno: cedere a un matrimonio forzato, oppure farsi uccidere e scatenare una guerra? Eh… Allora perché, una volta arrivati ai titoli di coda, Il principe cerca figlio lascia ‘sto sgradevole senso di fastidio generale?

Effettivamente, i motivi sono vari ma, principalmente, tutto si riassume in due punti fondamentali. Anzitutto, pensando al titolo, uno magari s’aspetta di vede’ chissà quali assurde peripezie affronterà Akeem, tornando in America trent’anni dopo per cercare suo figlio, no? Allora, partiamo da ‘sto punto.

Il principe cerca figlio (Coming 2 America) è un film del 2021 diretto da Craig Brewer. La pellicola, con protagonista Eddie Murphy, è il sequel del cult del 1988 Il principe cerca moglie

L’indovino di corte dice che in America, il principe c’ha un figlio bastardo e, dietro sue indicazioni, l’artista reale ha realizzato uno “schizzo abbozzato” del suo volto (leggi ritratto incredibilmente dettagliato e somigliante). Akeem perciò ritrascina Semmi nel Queens e arrivano, in limo, nel quartiere in cui erano stati anni prima. Si guardano due secondi intorno e bam! C’è ancora la bottega del barbiere gestita dai vecchi balordi.

Entrano e due secondi dopo, Semmi mostra lo “schizzo abbozzato” del presunto erede di Akeem. Comodamente ai fini della trama, i vecchi lo conoscono e gli dicono che fa il bagarino al Madison Square Garden. Altri due secondi dopo sono, in limo, al Garden. Seduti in macchina, in mezzo a ‘na cagnara pazzesca di gente all’entrata prima di una partita importante, in 3.2 secondi trovano Lavelle, il figlio bastardo.

Allorché Akeem va da lui e: “Ciao, sono tuo padre. Quello che in trent’anni non hai mai conosciuto. In realtà sono il re di Zamunda e tu, sei l’erede al trono. Dai, vieni con me, ho la limo parcheggiata dietro l’angolo”. Sì, d’accordo è una storia di fantasia. Va be’, i tempi cinematografici, licenze, leggere fra le righe e tutto quanto, però… no. Così, no.

Il principe cerca figlio (Coming 2 America) è un film del 2021 diretto da Craig Brewer. La pellicola, con protagonista Eddie Murphy, è il sequel del cult del 1988 Il principe cerca moglie

Con tutta la buona volontà del mondo, pure aggrappandosi disperatamente alla sospensione del dubbio, ‘sta cosa è e rimane l’esatto equivalente del tipo che s’avvicina offrendoti le caramelle, ché ce n’ha un sacco nel furgone parcheggiato dietro l’angolo. Il problema è che tutte le dinamiche de Il principe cerca figlio sono regolate allo stesso modo. Perché?

Perché, ecco che arriva il secondo problema. Il giovane Eddie Murphy, quello degli esordi, di 48 Ore, Una poltrona per due, Beverly Hills Cop, Il bambino d’oro e via dicendo, era ‘na bomba e ‘sti film, andavano a tutta forza al botteghino. Nel bene o nel male, funzionavano perché rispecchiavano in toto l’Eddie Murphy personaggio. Cioè, lo stand up comedian venuto fuori dal Saturday Night Live.

Poi, qualcosa è cambiato: Il professore matto, remake de Le folli notti del dottor Jerryll, sì, fu un successo, d’accordo. Tuttavia, trasformò letteralmente Murphy, portandolo, da lì in poi, ad abbandonare la comicità per adulti in favore di quella sciacqua e innocua family oriented. Una scelta utile, per uno come lui, quanto un completo tre pezzi su ‘na spiaggia di nudisti.

Infatti, gli ultimi vent’anni, a parte qualche sporadico successo (economico) tipo L’asilo dei papà e (di critica) Dreamgirls, tutto il resto è stata una squallida parabola discendente. I suoi ultimi due film, Dolemite Is My Name e, appunto, Il principe cerca figlio, fanno risaltare ancor di più, semmai ce ne fosse bisogno, quanto sia stata sbagliata la scelta di Eddie Murphy.

Il principe cerca figlio (Coming 2 America) è un film del 2021 diretto da Craig Brewer. La pellicola, con protagonista Eddie Murphy, è il sequel del cult del 1988 Il principe cerca moglie

Mettiamola così, programmeresti mai un figlio, nel senso di congegnarlo, progettarlo, sulla base delle aspettative altrui? Tipo, facciamolo coi capelli neri, che a nonna Concetta piace bruno. Però non troppo, eh. Ché a zia Pinuccia piacciono i bambini biondi, perciò facciamo ‘na spruzzatina di castano. Mettiamogli pure gli occhi verdi, così facciamo contenti pure gli altri zii.

Ecco, faresti mai ‘na cosa del genere? Eh, allora perché mai una storia dovrebbe essere scritta sull’unico presupposto di far contenti, o meglio, non far lagnare una manica d’individui? Ne Il principe cerca figlio tutto è fatto di fretta e tutto pare non avere particolare importanza. Perché? Perché il film preferisce tirare, ancora e ancora, secchiate d’irritante retorica nel tentativo, disperato, di sembrare attuale.

C’è un sacco di “potere femminile” ne Il principe cerca figlio, sì. Peccato sia allo stesso livello di profondità di una pozzanghera. Il film pretende di essere incentrato sulle donne, ma tutte si limitano praticamente a fare il secondo violino. Pretesa sciocca, resa ancor più sciocca quando ‘sta mania porta a dei nonsense allucinanti.

Il principe cerca figlio (Coming 2 America) è un film del 2021 diretto da Craig Brewer. La pellicola, con protagonista Eddie Murphy, è il sequel del cult del 1988 Il principe cerca moglie

Giusto un esempio, fra i tanti: Meeka, la maggiore delle figlie di Akeem, si allena da tutta una vita per essere degna di suo padre e salire sul trono di Zamunda. Bene. Giustamente, le sale parecchio storta quando invece arriva Lavelle, il figlio bastardo. Ovviamente, la freccia tirata dall’arco narrativo di Meeka la vedi arrivare da chilometri, dopo averti pure avvertito per telefono che stava arrivando.

La trama è talmente forzata e frettolosa che passano, nell’arco di cinque minuti, dal t’ammazzerò nel sonno a potrai contare su di me per tutta la vita. Tuttavia, la cosa bella di tutto questo è che, a monte, sia Meeka che le sorelle, sanno perfettamente che la legge prevede solo ed esclusivamente imperatori maschi. Allora perché ti alleni da una vita? Perché te la pigli così a male quando arriva un erede maschio che ti solleva dal ruolo di merce di scambio?

Perché nel 2021 dobbiamo assistere a film come Il principe cerca figlio, film costruiti sull’unico presupposto di assecondare le smanie del momento?

Ebbene, detto questo credo che anche per oggi sia tutto.

Stay Tuned ma soprattutto Stay Retro.

Rispondi