Matrix (The Matrix) è un film di fantascienza del 1999 scritto e diretto da Lana e Lilly Wachowski.

Matrix 4 – Una pessima, pessima idea

Già, proprio così. Matrix 4… Che storia, eh? Insomma, di un eventuale quarto film se ne parlava già da tempo. Un tre o quattro anni, mi pare. Ma in questi giorni, ecco la bomba: Warner Bros. ha annunciato ufficialmente che un nuovo Matrix non è più un sogno, ma una solida realtà che entrerà in produzione nel 2020.

Non solo: alla regia tornerà Lana Wachowski e insieme a lei, pure Keanu Reeves e Carrie-Anne Moss. Che riprenderanno i rispettivi ruoli di Neo e Trinity. Uhm… Yeah?! Onestamente, l’idea che Reeves, Moss e Wachowski stiano tornando tutti insieme appassionatamente per un altro film, a quasi vent’anni da Matrix Revolutions, non m’entusiasma manco un po’. Anzi. Diciamo che

Matrix 4 è qualcosa di cui non avrei mai voluto sentir parlare

Matrix 4 è una pessima, pessima idea

Siamo onesti, sul serio qualcuno sentiva il bisogno, l’impellente necessità di riesumare Matrix? Certo, in tempi piuttosto brevi è diventato un film di culto, entrando di prepotenza nell’immaginario collettivo. Vero e proprio fenomeno della cultura pop in generale, che ha generato videogiochi, cartoni animati, merchandising e compagnia cantante.

La cosa strana però, quello che non ho mai capito e, probabilmente, mai capirò è il perché tutti o quasi sbroccarono. Vendendo Matrix come un’opera pazzescamente profonda, pregna di simbolismo e ricca di significati. Un capolavoro filosofico sotto ogni aspetto. Ehm… Seriously? No, dico: guardiamo un attimo la situazione per quella che è, ok?

Keanu Reeves: Thomas A. Anderson/Neo in Matrix

Nel film, Keanu Reeves è un nerd asociale, che passa la vita a fare ‘na beata mazza di niente. Limitandosi giusto a fissare lo schermo del pc. Il sottinteso è palese e, essenzialmente, suggerisce una semplice idea: tutti quegli anni buttati a smanettare al pc, lo renderanno, automaticamente, un super-cazzutissimo cyber-messia 2.0.

In effetti, già ‘sta cosa, da sola, dovrebbe bastare a far capire su chi, in specifico, abbia fatto presa il film. Comunque, sempre senza alcun motivo apparentemente valido, Keanu viene inseguito, da un lato, da ‘sto gruppo di feticisti underground. Dall’altro, da impiegati IBM del 1960 in giacca e cravatta.

Hugo Weaving: agente Smith

Naturalmente, gli impiegati della IBM sono i cattivi. Probabilmente perché indossano completi grigi e occhiali da sole pure di notte. Mentre i feticisti, che vanno ai rave, conoscono il karate e vestono con scintillanti tutine di pelle, sono i buoni.

Alla fine, viene fuori che il mondo in cui Keanu vive, in realtà è una simulazione virtuale ferma al 1999. Nel mondo reale, siamo molto più in là nel futuro e gli uomini, non vivono. Vengono semplicemente coltivati dalle macchine, che estraggono energia dai corpi in coma. Gli esseri umani, sono ridotti a semplici batterie. Le pile che alimentano il malvagio impero delle macchine senzienti.

Matrix 4 è una pessima, pessima idea

Ora, siamo sicuri, ma proprio sicuri sicuri che Matrix, sia sul serio la grande, rivoluzionaria, profondissima opera d’arte che tutti osannano? Parliamoci chiaro, al di là di qualsivoglia disanima agiografica, il punto è che nel 1999 internet e la tecnologia in genere, erano concetti ancora fantasiosamente idealizzati. Perciò, ancora in grado di lasciare un certo margine di manovra per storie di fantasia.

Di film che parlavano di “computer malvagi” ce n’erano a dozzinaia e dozzinaia. Gli hacker in grado di fare qualunque cosa, battendo giusto alla cazzomannaggia su un Sapientino, te li tiravano dietro pochi cent la tonnellata.

Matrix (The Matrix) è un film di fantascienza del 1999 scritto e diretto da Lana e Lilly Wachowski.

In questo senso, c’erano sicuramente alcuni film molto validi. Tipo Strange Days o Nirvana, per dire. Ma è altrettanto vero, che c’erano tante, tantissime porcate fulminanti. Come The Net con Sandra Bullock, per esempio. Oppure, l’agghiacciante Hackers con Angelina Jolie.

L’equivalente cinematografico di quelli che provavano a metterti in guardia da fatti assurdi, leggende metropolitane eccessivamente drammatizzate. Come svegliarti in una vasca piena di ghiaccio senza un rene, tipo. “Attento, gli hacker ruberanno le tue carte di credito… E pure la tua anima, gli basta una tastiera!”

Keanu Reeves: Thomas A. Anderson/Neo e Laurence Fishburne: Morpheus

Il punto è che Matrix, lo sconvolgente, rivoluzionarissimo film che tutti hanno glorificato, era perfetto nel e per il 1999. Il film ideale, paradigma esemplare, della società in cui è nato. L’assunto su cui si basa (macchine malvagie, computer senzienti, uomo schiavizzato da intelligenza artificiale) non solo è dozzinale e riciclato da decine di altri film. Ma poteva funzionare all’epoca; certo non oggi.

Poteva funzionare all’epoca della paranoia del Millennium Bug. Poteva funzionare, quando eravamo ancora disposti a credere che un ragazzino, potesse scatenare un conflitto nucleare con un Sapientino, comodamente dalla sua cameretta. Oggi invece, sappiamo benissimo che non è così. Che tecnologia, non è sinonimo di alchimia.

Keanu Reeves: Thomas A. Anderson/Neo

Ancor prima che uscissero gli orrendi sequel, era chiaro che Matrix fosse un film pretenzioso e pacchiano. Al tempo stesso padrone e schiavo dello zeitgeist che lo ha generato. L’orribile colonna sonora nu-metal, la farlocca filosofia new age, l’assurda feticizzazione della pelle… Tutte cose molto in voga sul finire degli anni ’90.

Tutte cose che, messe assieme, rendono Matrix irrimediabilmente, indiscutibilmente datato. In altre parole, Matrix è una moda; e come tale, destinato in breve a diventare un orribile anacronismo. Intrappolato in un ciclo infinito di idee antiquate da cui non potrà mai fuggire.

Laurence Fishburne: Morpheus 1999

Persino la “sconvolgente” idea di fondo (ciò che percepiamo e consideriamo come realtà è, de facto, un’illusione) sulla quale i Wachowski hanno provato disperatamente a filosofeggiare con pacchi di retorica spicciola era, all’epoca, già vecchia più di trent’anni (buongiorno Philip K. Dick).

La differenza, è che viene esplicata in modo del tutto inedito, fresco, giovane e dinamico. Infatti, possiamo vedere in Matrix un fottìo di robe mai viste prima: il tizio bianco che salva il tizio nero, per dire. Oppure, simbolismo cristiano, più fastidiosamente ovvio che in Superman.

Tuttavia, il vero tocco di classe è l’innovativo, filosofico, sconvolgente finale, in cui è la donna che salva l’uomo. Non con la forza fisica, naturalmente. Ma grazie al supporto emotivo e la forza dei suoi sentimenti. Beh, a parte ogni singolo film che abbia visto in vita mia, queste sono idee veramente originali e rivoluzionarie.

Keanu Reeves: Thomas A. Anderson/Neo e Carrie-Anne Moss: Trinity in Matrix 1999

Sia chiaro, Matrix non è per niente un brutto film. Anzi. Molte analogie sono veramente argute e intelligenti, così come è ben ritmato, visivamente stimolante e con tante scene d’azione emozionanti ancora oggi. Tuttavia, l’aspetto e lo stile sono, non iconici, ma talmente distintivi e senza tempo che non invecchieranno mai col passare degli anni? No.

Il problema è che, a differenza di film come 2001: Odissea nello spazio, Blade Runner o Brazil, tanto per dirne un paio, Matrix è ‘na specie di mostro di Frankenstein. Fatto di mode e cliché caratteristici della sua epoca cuciti assieme.

Keanu Reeves: Thomas A. Anderson/Neo e Laurence Fishburne: Morpheus

Per farla quanto più breve possibile, dopo quarant’anni Blade Runner può risultare vecchio nella forma, ma non nella sostanza. Perché gira su di una domanda su cui c’arrabattiamo da secoli: cosa ci rende “umani”? I Replicanti nascono in laboratorio ma, a parte questo, sono identici in tutto e per tutto a qualunque altro essere umano. Provano emozioni, hanno sentimenti. Perché considerarli come elettrodomestici, allora?

Cosa ci distingue da loro, l’anima? E cos’è l’anima? Noi l’abbiamo perché veniamo fuori da un altro essere umano che c’ha generato? Questo è il punto; questo rende Blade Runner un film senza tempo.

Matrix (The Matrix) è un film di fantascienza del 1999 scritto e diretto da Lana e Lilly Wachowski.

Matrix invece è, essenzialmente, una giocosa allegoria in chiave action di Cristo e sulla battaglia tra il bene e il male. Nulla di male in questo, ovvio. Il grave però, sta nel fatto che fin troppi, a partire dai Wachowsky, hanno preso ‘sta roba fin troppo sul serio. Quasi come fosse la strada verso una qualche nuova religione o filosofia.

Diavolo, persino il Dudeismo, la religione nata e basata sul pensiero di Drugo Lebowski, è più plausibile. Essenzialmente, l’unica cosa che separa veramente Matrix dai suoi antenati, è un mucchio di canzoni fastidiose di band orribili e balletti in slo-mo. Si tratta, semplicemente, di design fino alla trama di base.

Come le zanzare nell’ambra di Jurassic Park, tutto è intrappolato nel 1999 e, Matrix, non è altro che la progenie, riciclata, di tutto ciò che l’ha preceduto. All’epoca funzionava alla grande. Proprio come funzionavano alla grande la plastic music, le boy band e i Vj di Mtv.

È un manufatto culturale di un tempo diverso, e lasciamolo lì, all’epoca a cui appartiene. È un film ancora godibile, in virtù della nostalgia che si prova guardandolo, ma è invecchiato maluccio. Probabilmente, molto maluccio.

In realtà, non c’è nulla di male in questo. Anzi. Bisognerebbe solo imparare ad ammettere che, alcune cose, non sono quei “classici senza tempo” in cui molti, troppi, disperatamente sperano. Ma per carità, proprio per questo, non riesumiamo Matrix dalla tomba in cui riposa.

Ebbene, detto questo credo che anche per oggi sia tutto.

Stay Tuned ma soprattutto Stay Retro.

Summary
Article Name
Matrix 4 - Una pessima, pessima idea
Description
Matrix è un manufatto figlio dei suoi tempi e un seguito, a distanza di vent'anni, è una pessima idea
Author
Publisher Name
Il Sotterraneo del Retronauta

Retronauta

Il Sotterraneo è la casa del Retronauta, il tuo amichevole ricordatore di quartiere.

4 thoughts to “Matrix 4 – Una pessima, pessima idea”

  1. Triste vedere che i fratelli…ehm sorelle Wachoski abbiano deciso di realizzare un sequel di un’opera che ormai difficilmente ha altro da dire. Già ci sono 2 film di troppo, nella trilogia originale. Ma del resto sono decenni che ormai provano a fare sequel un po’ di tutti i film di successo, anche se questi sequel spesso non sono che, nei migliori dei casi, delle copie scialbe degli originali, e nei peggiori dei polpettoni indigeribili!. Certo, di tanto in tanto salta fuori anche il sequel che ti sorprende in maniera positiva, tuttavia ho poca fiducia in questo nuovo progetto.

  2. Matrix ai tempi fu meraviglia per me. Dici bene, figlio del suo tempo, ma aveva un fascino tutto suo, con le sue coreografie e il suo impatto visivo.
    Buttava giù anche la “realtà virtuale” e tutto quel mondo di informatica (che ora è il mio lavoro e mi affascina molto meno).
    Scopiazzava e riprendeva da tante fonti (Ghost in the shell ad esempio), ma sperimentava anche qualcosa, gli animatrix per esempio.
    Ma gli anni passano, i sequel già erano quello che erano (ricordo quando andai a vedere con gli amici reloaded, lo apostrofai come “un film di bud e terence in salsa shi-fi”).
    Il primo l’ho rivisto qualche mese fa in un ozioso pomeriggio a casa dai suoceri. L’ho rivisto volentieri, ma più per affetto che per merito.
    il secondo ed il terzo invece non ci sono riuscito.

    La domanda è: che imbastiranno per il 4?

    1. Nel mio caso, “Dragon Ball Revolutions” è quello che proprio non riesco a rivedere.
      A ogni modo, la famigerata palla di cristallo non ce l’ho; quindi questo eventuale quarto capitolo potrebbe, alla fine, rivelarsi anche un grandissimo film. Tuttavia, visti i presupposti, mi riservo di dubitarne.

  3. Matrix rimane cult movie per il suo carattere squisitamente anni ’90 come un altro celebre cult con il medesimo attore ormai diventato icona della nostra generazione ( non dimentichiamo l’entusiasmo generale per la sua apparizione in Cyberpunk 77 ) . Ogni cosa intorno ai personaggi interpretati da Keanu nei film di genere futuristico profuma di quei anni in cui ancora le paure maggiori erano per le tecnologie, non per altri esseri umani. Persisteva quel senso di umanesimo individualista di fronte al nichilismo della società di massa. Si pensava ad un futuro senza barriere come lo spazio sopra le megalopoli tentacolari. In un epoca in cui ora emergono fobie vecchie del passato e si elevano mura come per la Roma delle invasioni barbariche Matrix è ormai segnatamente un segno del passato che sembrava diventare un futuro alternativo della nostra Storia.

Rispondi